Google+ Ivan Catalano - Un Cittadino che fa il proprio dovere alla Camera dei Deputati: Legge quadro sugli interporti: emendamenti al PDL 730

Deputato Ivan Catalano

domenica 25 agosto 2013

Legge quadro sugli interporti: emendamenti al PDL 730

Buonasera a tutti.

Vi aggiorno sull'andamento del PDL Velo 730 in materia di Interporti. Sono stati pubblicati gli emendamenti per il primo esame in commissione, li trovate tutti a questo indirizzo: emendamenti.
Gli emendamenti sono tutti a mia prima firma in quanto in commissione per il M5S me ne sto occupando io, come referente.
La scrittura degli stessi è stata fatta a seguito delle audizioni informali, che non ho avuto modo di relazionarvi tutte.

Vorrei soffermarmi su alcuni emendamenti in particolare dove chiedo una cosa molto importante, ovvero:

all'Art. 1

Al comma 2, dopo la lettera d), aggiungere la seguente: 

   d-bis) fornire gli strumenti necessari per l'utilizzo di un unico standard di comunicazione delle informazioni, riguardanti il trasporto delle merci e le merci stesse nonché ogni informazione rilevante.


Al comma 4, sostituire la lettera d) con la seguente:

   d) per standard «Open Data», l'insieme delle definizioni di cui all'articolo 68, comma 3 del decreto legislativo n. 82 del 2005 recante Codice dell'amministrazione digitale;.


all'Art. 4

  Sostituire l'articolo 4 con il seguente:
Art. 4.
(Standard Unificato).
  1. È affidato a UIRnet Spa, con la collaborazione delle università italiane, la definizione di uno standard «Open Data» che consiste in una tassonomia di tutti i dati del trasporto finalizzati alla trasmissione telematica delle informazioni riguardanti le merci, il mezzo di trasporto ed ogni altra informazione necessaria, al fine di realizzare le finalità di cui all'articolo 3, comma 2, lettera h).
  2. L'affidamento di cui al comma 1 del presente articolo non comporta oneri aggiuntivi a carico dello Stato.
  3. A UIRnet Spa è dato mandato per la realizzazione dello «Standard Unificato», che consente lo scambio delle informazioni a tutti gli attori dei trasporti in maniera semplice e fruibile. UIRnet Spa dovrà adottare lo standard «Open Data» di cui all'articolo 2 comma 4) lettera d). Tale piattaforma dovrà essere rilasciata secondo la licenza «Creative Commons Public Licenses (CCPL)», o altra derivata.
  4. UIRnet Spa, come da statuto aggiornato al 10 febbraio 2011, all'articolo 1.3 comma b) terzo periodo, si avvale della collaborazione e del supporto di centri di ricerca e di università, mediante bando di gara ad evidenza pubblica.
  5. Lo standard elaborato dovrà essere predisposto per essere esteso a tutta la mobilità, compresa quella passeggeri

e questo coofirmato con il PD:

all'Art. 3

    Al comma 2, lettera h), aggiungere, in fine, le seguenti parole:, attraverso l'utilizzo di dati di tipo aperto ai sensi dell'articolo 68, comma 3, del decreto legislativo 7 marzo 2005, n. 82.

tutti vertono nella stessa direzione, e sono nati a seguito dell'audizione della Fondazione Bruno Kessler da me richiesta, ovvero fare entrare l'OpenData negli interporti. Nel mio chiedo un impegno ad una struttura già esistente, di realizzare una tassonomia di tutti i dati del trasporto, in modo da renderli interscambiabili e consentire una migliore razionalizzazione logistica del trasporto delle merci. In più chiedo che tale tassonomia sia una base ampliabile al trasporto passeggeri.
Con il secondo invece si chiede più semplicemente che nell'adempiere a realizzare interconnessioni con piattaforme info-telematiche orientate alla gestione dei processi logistici e del trasporto di merci.

Speriamo che si arrivi alla discussione di tale proposta di legge.

Ivan Catalano