Google+ Ivan Catalano - Un Cittadino che fa il proprio dovere alla Camera dei Deputati: Incidente a Fiumicino dell'Airbus A320 del 29 settembre 2013: Risposta del Ministro

Deputato Ivan Catalano

martedì 28 gennaio 2014

Incidente a Fiumicino dell'Airbus A320 del 29 settembre 2013: Risposta del Ministro

Buongiorno a tutti,

ho ricevuto risposta all'interrogazione relativa all'incidente avvenuto in data 29 settembre 2013, presso l'aeroporto di Fiumicino, nel quale un Airbus A320, a causa di un malfunzionamento del carrello, che fa fuoriuscire le ruote, ha effettuato un atterraggio solo con i carrelli anteriore e sinistro.

Il ministero ha risposto che ha preso visione delle raccomandazioni della ANSV, per quanto riguarda il blocco meccanico dei martinetti di apertura e chiusura dei portelloni dei carrelli principali degli aeromobili A320, e che ad ENAC tale problematica è ben nota.

La raccomandazione dell'ANSV mette in evidenza l'esistenza di un problema legato ai carrelli degli aeromobili di tipo Airbus, nei quali un anello meccanico dell'attuatore si degrada, rilasciando nell'olio dell'impianto idraulico polveri che incidono negativamente sulla vischiosità impedendo il corretto funzionamento dell'attuatore e quindi la conseguente apertura del carrello. Le raccomandazioni che l'Agenzia nazionale per la sicurezza del volo ha indirizzato all'EASA, in quanto soggetto certificatore dei prodotti Airbus, prevede sia la sostituzione del martinetto di apertura del portellone che la pulizia dell'impianto idraulico. La sola sostituzione non dà i risultati previsti, occorre che l'esame radiografico che è in grado di evidenziare il deterioramento sia introdotto come controllo di routine. Pur comprendendo che il Ministero delle infrastrutture e dei trasporti non ha al riguardo alcuna competenza, ritengo che tali raccomandazioni ad esso inviate dall'Agenzia per la sicurezza del volo per mere finalità conoscitive, vengano considerate dal Governo, in quanto l'inadempimento delle compagnie a tali raccomandazioni mette a serio rischio la sicurezza del volo.

In Italia abbiamo una agenzia di sicurezza al volo che è un fiore all'occhiello del nostro paese. Sempre di più viene messa nelle condizioni di non lavorare in modo opportuno, ma nonostante tutto svolge un ottimo lavoro.
Forse sarebbe il caso di valorizzare tale lavoro.

Ivan Catalano