Google+ Ivan Catalano - Un Cittadino che fa il proprio dovere alla Camera dei Deputati: Discussione in commissione Trasporti del DDL Stabilita e Bilancio approvato alla camera

Deputato Ivan Catalano

mercoledì 4 dicembre 2013

Discussione in commissione Trasporti del DDL Stabilita e Bilancio approvato alla camera

Buon pomeriggio a tutti,

ieri martedi 3 novembre 2013, ha avuto luogo la seduta consultiva della commissione sul Disegno di legge di stabilità, il cui resoconto stenografico è disponibile a questo indirizzo. Ci sono alcune considerazioni da fare su alcuni aspetti:


1) COMITATO PER L'ALBO DELL'AUTOTRASPORTO
2) TRASPORTO PUBBLICO LOCALE
3) TRATTE ALTA VELOCITA'


Al Senato è stata introdotta una disposizione che rende il Comitato centrale per l'Albo nazionale degli autotrasportatori una sorta di lobby con funzioni di consulenza sui progetti normativi (comma 54 lettera b). Le disposizioni di cui al comma 56 sono positive, la soppressione del trasferimento alle province delle funzioni in materia di rilascio della licenza per autotrasporto merci per conto proprio e delle funzioni relative alla cura e gestione degli albi provinciali e il conseguente trasferimento di tali funzioni, insieme alle relative risorse, agli Uffici periferici del Ministero delle infrastrutture e dei trasporti. Il Ministero dispone, attraverso il proprio centro di elaborazione dati, e ancor più attraverso il registro elettronico nazionale (REN) la cui adozione è stata disposta dal regolamento (CE) n. 1071/2009, di strumenti tecnologici avanzati di gestione di tali funzioni, che permettano l'inserimento nelle banche dati di elementi che attualmente non vengono recensiti dall'Albo degli autotrasportatori, come ad esempio il numero dei dipendenti. Quanto al trasporto pubblico locale, invito i colleghi a formulare emendamenti che vadano nella direzione del rifinanziamento del trasporto pubblico locale, al fine di permettere il rinnovo del parco autobus che, come è emerso dalle numerose audizioni che la Commissione ha svolto nel corso dell'indagine conoscitiva sul trasporto pubblico locale, registrano un'età media assai avanzata, molto oltre quella europea. In tal senso presenteremo una serie di emendamenti che consentiranno anche il retrofit dei mezzi di trasporto, volto anche a dar seguito alle risoluzioni approvate dalle Commissioni IX e XI aventi ad oggetto la questione Irisbus. Sarebbe opportuno modificare il testo del disegno di legge di stabilità nel senso di introdurre, come fatto già in passato, agevolazioni fiscali per chi acquista l'abbonamento o incentivi di altra natura che incoraggino l'uso del mezzo pubblico. In tal senso abbiamo predisposto emendamenti per l'introduzione della detrazione fiscale degli abbonamenti annuali. Quanto infine all'alta velocità, la destinazione di somme ingenti a progetti la cui realizzazione è incerta, come ad esempio il Terzo Valico Dei Giovi, un opera coperta solo parzialmente, se venissero destinate ad interventi minori, produrrebbero vantaggi immediati alla collettività. Il cosiddetto Terzo valico dei Giovi, il cui finanziamento complessivo è stimato in 6,4 miliardi di euro, ha visto il compimento dell'iter solo per quanto riguarda il primo lotto funzionale, di costo pari a 500 milioni di euro. Sarebbe stato preferibile investire tali risorse nell'ammodernamento delle del primo valico, risolvendo il problema del trasporto merci, e destinare al trasporto pubblico locale le restanti risorse impegnate nella costruzione di un'opera così onerosa, per dare un immediato sollievo a milioni di pendolari che ogni giorno utilizzano le tratte non ad alta velocità per ragioni di lavoro e di studio. Le risorse per finanziare il TPL si possono trovare solo cambiando strategia politica circa le opere pubbliche. Presenteremo un emendamento in questa direzione.

Ivan Catalano