Google+ Ivan Catalano - Un Cittadino che fa il proprio dovere alla Camera dei Deputati: Contratto di Programma RFI-MiT: Aggiornamento Finale

Deputato Ivan Catalano

giovedì 28 novembre 2013

Contratto di Programma RFI-MiT: Aggiornamento Finale

Buongiorno a tutti,

l'esame del provvedimento dopo essere stato analizzato nella giornata del 13 novembre, nel quale il governo ha dato delle risposte ai quesiti espressi nel parere di maggioranza e di minoranza, siamo passati il 19 novembre all'approvazione di un testo di parere condiviso con la commissione nella quale abbiamo espresso le seguenti perplessità:

1) dovrà in ogni caso essere mantenuto il parere sullo schema di contratto di programma da parte delle competenti Commissioni parlamentari;


2) il Governo dovrebbe trasmettere alle competenti Commissioni parlamentari il rendiconto annuale del contratto;



3) la revisione delle logiche di manutenzione della rete ferroviaria, sulla base di criteri connessi al grado di utilizzo dell’infrastruttura, non possa in qualche modo pregiudicare la sicurezza e un livello adeguato di manutenzione;



4) il Governo potrà valutare l’opportunità di integrare la definizione di “eventi di forza maggiore”, di cui al medesimo paragrafo 2.8 con ulteriori fattispecie, in ogni caso puntualmente determinate;



5) l’eventuale revisione del canone per l’accesso all’infrastruttura ferroviaria, per i periodi successivi alla vigenza di tale contratto, sia effettuata con procedure tali da tener conto delle competenze spettanti, per quanto attiene la definizione dei criteri di determinazione del canone, all’Autorità di regolazione dei trasporti e assicurare che le misure in materia di trasparenza contabile permettano di distinguere, in relazione alle attività di manutenzione, le risorse finanziarie derivanti dalle erogazioni da parte del Ministero e quelle derivanti dal canone di accesso all’infrastruttura a carico degli operatori, evidenziando altresì l’entità complessiva degli effetti finanziari determinati da eventuali variazioni del canone stesso; 



6) il Governo potrà valutare l’opportunità di prevedere che il Gestore possa apportare di propria iniziativa variazioni agli intereventi di manutenzione straordinaria programmati, purché si tratti di variazioni di modesta entità e il Gestore ne fornisca un’adeguata motivazione; 



7) con riferimento all’articolo 10, al paragrafo 3 sopprimere le parole: “, previo avviso,”;



8) con riferimento al medesimo articolo 10, sopprimere il paragrafo 5;



9) il Governo provveda altresì ad assumere le opportune iniziative, nell’ambito del contratto di programma in esame ovvero con gli strumenti che ritenga più appropriati, al fine di assicurare la piena trasparenza delle informazioni concernenti l’infrastruttura ferroviaria e il suo utilizzo. 



10) incrementare il limite massimo dell’importo complessivo annuo delle penali, rendendolo più adeguato rispetto all’importo complessivo dei finanziamenti a carico dello Stato previsti dal contratto di programma.


Per quanto riguarda gli impegni sulla trasmissione dei dati il governo si è reso disponibile ad un parere positivo nel caso in cui venissero scritti in un atto di indirizzo.

Ivan Catalano