Google+ Ivan Catalano - Un Cittadino che fa il proprio dovere alla Camera dei Deputati: Proposta di legge Meta 997, la metamorfosi legislativa e il bluff

Deputato Ivan Catalano

mercoledì 7 agosto 2013

Proposta di legge Meta 997, la metamorfosi legislativa e il bluff

Buongiorno a tutti,

approfitto di questa pausa mattutina, pirma dei lavori d'aula, per raccontarvi la storia della metamorfosi legislativa di una proposta di legge (PdL Meta 997 - post), in emendamento al decreto del fare (D.L. 69/2013), e nel successivo bluff al senato (S. 974).

Tutto nasce quando dopo l'audizione del ministro Lupi in commissione trasporti il 9 Luglio 2013, in merito al Decreto del Fare. (link video) Il Ministro, nel complimentarsi del lavoro che la commissione sta svolgendo, rilancia la proposta di Meta dicendo che per lui andrebbe bene aumentare la riduzione del 30%.

A questo punto Meta annuncia di voler modificare la sua Pdl in un emendamento al decreto. Io, insieme a Michele Dell'Orco, ci siamo opposti fortemente, come si pu vedere dallo stenografico, riuscendo a convincerlo di modificare l'emendamento accogliendo le nostre proposte emendative (che tra l'altro dovevano essere discusse il giorno stesso).

una volta elaborato l'emendamento con i nostri emendamenti principali, ottenemmo il seguente testo:

Aggiungere, in fine, i seguenti commi:
  5-bis. Al fine di garantire l'efficacia del sistema sanzionatorio relativo alle violazioni del codice della strada e l'effettiva disponibilità delle risorse destinate al finanziamento dei programmi annuali di attuazione del Piano nazionale della sicurezza stradale, di cui ai commi 1 e 2 del presente articolo, all'articolo 202 del codice della strada, di cui al decreto legislativo 30 aprile 1992, n. 285, e successive modificazioni, sono apportate le seguenti modificazioni: 
   a) al comma 1 è aggiunto, in fine, il seguente periodo: «Tale somma è ridotta del 30 per cento se il pagamento è effettuato entro cinque giorni dalla contestazione o dalla notificazione o se il trasgressore non sia incorso, per il periodo di due anni, in violazioni di norme di comportamento del presente codice da cui derivino decurtazioni del punteggio, ai sensi dell'articolo 126-bis. La riduzione di cui al periodo precedente non si applica alle violazioni del presente codice per cui è prevista la sanzione accessoria della confisca del veicolo, ai sensi del comma 3 dell'articolo 210, e della sanzione amministrativa accessoria della sospensione della patente di guida»; 
   b) al comma 2: 
    1) al primo periodo sono aggiunte, in fine, le seguenti parole: «ovvero mediante strumenti di pagamento elettronico»; 
    2) al secondo periodo sono aggiunte, in fine, le seguenti parole: «ovvero mediante strumenti di pagamento elettronico”; 
   c) dopo il comma 2 è inserito il seguente: Qualora l'agente accertatore sia munito di idonea apparecchiatura il conducente, in deroga a quanto previsto dal comma 2, è ammesso ad effettuare immediatamente, nelle mani dell'agente accertatore medesimo il pagamento mediante strumenti di pagamento elettronico, nella misura ridotta di cui al secondo periodo del comma 1. L'agente trasmette il verbale al proprio comando o ufficio e rilascia al trasgressore una ricevuta della somma riscossa, facendo menzione del pagamento nella copia del verbale che consegna al trasgressore medesimo»; 
   d) al comma 2-bis è aggiunto, in fine, il seguente periodo: «Qualora l'agente accertatore sia dotato di idonea apparecchiatura, il conducente può effettuare il pagamento anche mediante strumenti di pagamento elettronico»; 
   e) al comma 2-ter le parole: «alla metà del massimo» sono sostituite dalle seguenti: «al minimo».
  5-ter. Il Ministro dell'interno, sentito il Ministro dell'economia e delle finanze promuove la stipulazione di convenzioni con banche, con la società Poste italiane Spa e con altri intermediari finanziari al fine di favorire, senza nuovi o maggiori oneri per la finanza pubblica, la diffusione dei pagamenti mediante strumenti di pagamento elettronico previsti dall'articolo 202 del codice della strada, di cui al decreto legislativo 30 aprile 1992, n. 285, come modificato dal comma 5-bis del presente articolo.
  5-quater. Con decreto del Ministro dell'interno, di concerto con i Ministri della giustizia, delle infrastrutture e dei trasporti, dell'economia e delle finanze e per la pubblica amministrazione e la semplificazione, sono disciplinate, senza nuovi o maggiori oneri per la finanza pubblica, entro quattro mesi dalla data di entrata in vigore della legge di conversione del presente decreto, le procedure per la notificazione dei verbali di accertamento delle violazioni del codice della strada, di cui al decreto legislativo 30 aprile 1992, n. 285, tramite posta elettronica certificata nei confronti dei soggetti abilitati all'utilizzo della posta medesima, escludendo l'addebito delle spese di notificazione a carico di questi ultimi.

evidenziata in giallo trovate la parte che ci è stata soppressa dal senato con un emendamento dello stesso PD. Era la parte che premiava chi rispetta il codice della strada, andando a ridurre la sanzione del 30%, a prescindere da quando viene pagata, se nei 2 anni precedenti non si sono persi punti.

Non troviamo corretto questo modo di agire..

Questo Bluff ci sarà da insegnamento per le trattazioni future.

Ivan Catalano